Com’è avere qualcuno che piange tra le tue braccia?

Sembra enorme potere! una persona viene da me per piangere tra le mie braccia e cerca il mio calore, parole amichevoli e il mio consiglio. A volte ho degli amici che vengono da me che piangono. A volte un completo sconosciuto che ho appena incontrato pochi minuti fa.

La parte responsabilizzante

Per capire perché ci si sente responsabilizzati è necessario conoscere alcune cose di me. Sono una persona altruista, sono sempre disposto ad aiutare le persone condividendo le conoscenze e dando corsi di formazione su come gestire le emozioni. Quando qualcuno viene da me, la persona sta fondamentalmente dicendo nei miei occhi: “In questo momento ho un momento debole, mi piaci Rens. Tutte le tue conoscenze sono sempre disponibili per l’aiuto. Per favore aiutami e farmi sentire meglio così questa situazione ha meno possibilità di diventare di nuovo dolorosa. “. Questo pensiero mi fa sentire come se dovessi aiutare la persona e non aspettarmi nulla in cambio.

Sembra agrodolce.

Perché è quella sensazione? Come può essere amaro e dolce allo stesso tempo?

È amaro perché quella persona che conosco (di solito molto bene per lei piangere tra le mie braccia) è dolorante. Quella persona è ferita, turbata e vuole rilasciare i suoi sentimenti. Non c’è niente di più amaro per me che vedere il mio amico piangere per cose che non possono essere cambiate.

È dolce perché quella persona si fida di me. La persona si fida di me abbastanza per dirmi queste cose su se stessa. La persona è vulnerabile e sensibile ma mostra questo lato di lei per me. E quel che è più di questo è essere in grado di tenerla mentre lei piange significa che abbiamo raggiunto un profondo legame per farlo.

Potresti sentire quello che stanno passando e iniziare a piangere, se ti piacciono.

In qualche modo ti senti bene, perché sei lì e può aiutarti, ma puoi anche sentirti inutile, perché non puoi sempre sapere come fermare quel pianto.