Perché sembra che alcuni gruppi etnici abbiano un’Intelligenza emotiva inferiore rispetto ad altri, in primo luogo nei paesi del Terzo Mondo?

In primo luogo, cerchiamo di definire l’intelligenza emotiva e sapere cosa significa …

Secondo wikipedia l’intelligenza emotiva (EI) o il quoziente emotivo (EQ) è la capacità degli individui di riconoscere le proprie e le emozioni altrui, di discriminare tra sentimenti diversi e di etichettarli appropriatamente, e di usare le informazioni emotive per guidare il pensiero e il comportamento.

Secondo la psicologia oggi.

  1. Consapevolezza emotiva, compresa la capacità di identificare le proprie emozioni e quelle degli altri;

2. La capacità di sfruttare le emozioni e applicarle a compiti come pensare e risolvere problemi;

3. La capacità di gestire le emozioni, inclusa la capacità di regolare le proprie emozioni e la capacità di rallegrare o calmare un’altra persona.

Definizioni simili .. bene! Questo è ciò di cui abbiamo bisogno …

Quindi è davvero diverso da cultura a cultura? Sì .. in realtà è …

Perché? (la tua domanda) perché è quello che imparano! Ci sono molte persone a cui viene insegnato che “sentire”, “mostrare compassione”, “tristezza”, “amore” e “affetto” è sbagliato … un segno di debolezza … Perché hanno questa idea che più la persona è dura, più onorevole e virile è …

Questo è solo dal mio punto di vista 🙂

La tua Intelligenza Emotiva è definita come il tuo livello di abilità nell’auto-consapevolezza, autoregolazione o autogestione, empatia, abilità sociali. Esistono alcune tecniche che possono essere utilizzate per misurare l’intelligenza emotiva, ma sono progettate per essere utilizzate su base personale e autosegnativa all’interno di un gruppo sociale. Potete vedere molti esempi qui: Misure di intelligenza emotiva

Tuttavia, è importante capire che ognuno dei quattro attributi dell’intelligenza emotiva riguarda l’equilibrio, non la forza.

La consapevolezza di sé può essere carente o eccessiva. Ognuno è uno svantaggio.
L’autoregolamentazione o l’autogestione possono essere carenti o eccessivi.
L’empatia può essere carente o eccessiva.
Le abilità sociali possono essere carenti, o eccessive, portando a un’eccessiva manipolazione degli altri.

Quindi l’altezza dell’intelligenza emotiva è la cima di quattro curve a campana, con ogni lato verso il basso che rappresenta un diverso deficit nell’EI. Non è banale da misurare.

Se una comunità tende ad essere da una parte di una curva – per esempio, in un’empatia eccessiva e un’altra dall’altra, priva di empatia, vedrà l’altra come “meno emotivamente intelligente”, anche se in realtà hanno gli stessi punteggi per diversi motivi.

Una volta che si esce da un gruppo sociale, molti fattori positivi dell’intelligenza emotiva possono diventare fattori di intelligenza emotiva negativa. Ciò che viene visto come una reazione positiva alla paura, alla rabbia, alla tristezza, al godimento, all’amore, al disgusto, alla sorpresa o alla vergogna, per esempio, in una comunità, potrebbe essere visto come una reazione negativa in una comunità diversa.

Quando qualcuno entra in una nuova comunità, se la sua reazione è considerata positiva in entrambe le comunità, nessuno se ne accorge. Non importa a nessuno. Solo quando è visto come negativo nella nuova comunità, è visto come “meno emotivamente intelligente” da coloro che hanno origine nella “nuova comunità”. Di conseguenza, chiunque entri in una nuova comunità può facilmente essere confuso come “meno emotivamente intelligente” di coloro che sono cresciuti nella comunità, anche se in realtà sono più emotivamente intelligenti, ma dall’altra parte della curva.

Naturalmente in qualsiasi comunità, in qualsiasi società, ci sono persone che sono più intelligenti dal punto di vista emotivo, all’interno delle regole culturali di quella comunità, e ci sono persone che sono meno intelligenti dal punto di vista emotivo, all’interno delle stesse regole culturali. Di nuovo, come estraneo, nuovo alla comunità, o quando si guarda un nuovo arrivato alla comunità, non ci accorgiamo delle cose che hanno ragione. Notiamo cosa, si sbagliano.

Quindi, diventa facile presumere che siano meno “emotivamente intelligenti”, per vederli avere un livello inferiore di intelligenza emotiva.

Così…. Ecco perché “sembra” come se alcuni gruppi etnici avessero un’intelligenza emotiva inferiore alla nostra.

alla tua salute, tracy

Non esiste uno standard per l’intelligenza emotiva. I tratti che percepiamo come Intelligenza Emotiva – comprendere le emozioni altrui, essere capaci di persuadere gli altri, essere empatici – sono percepiti in modo diverso nei diversi tipi di civiltà. I tratti che funzionano nella società in cui vive la persona sono ciò che tendono ad esporre. L’intelligenza emotiva si basa su ciò che è considerato un comportamento appropriato per la società. Non è buono in sé e per sé in quanto può essere utilizzato per aiutare o manipolare.

Molti americani possono pensare di essere assertivi, quando una persona di un altro paese li vede come invadenti e maleducati. Potrebbero pensare che un altro gruppo sia eccessivamente drammatico, mentre vedono gli americani come freddi e indifferenti.

A proposito, dal momento che l’Unione Sovietica si è dissolta e non è più contro gli Stati Uniti, non ci sono nazioni del primo, del secondo e del terzo mondo. In realtà è meglio per le nazioni “meno sviluppate” o “in via di sviluppo” non essere pedine tra due potenze mondiali.

La tua domanda descrive tutto!

I paesi del terzo mondo hanno sistemi corrotti, funzionari governativi e politici mentono alla loro gente, lo nominate.

E soprattutto e soprattutto perché questi paesi hanno pessimi sistemi educativi . Molto probabilmente lo fanno apposta. Non vogliono che la loro gente venga educata, così i funzionari del governo e i responsabili del loro paese non vengono scoperti e rimossi dalle loro posizioni.

Solo perché non sembrano capirti nei tuoi stessi termini non significa che manchino di intelligenza emotiva. Non sei attrezzato per capire il loro contesto. Potrebbe non essere attrezzato per capire il tuo.

Questo è fondamentale per le culture nelle prime fasi di arricchimento reciproco. La vita è migliore in un ambiente diverso. Quando mi sono trasferito dalla California al Kentucky, ciò che mi mancava era legato alle culture etniche, non a qualcosa di specificamente californiano. Fortunatamente il Kentucky, come ovunque, continua a diventare più vario.

Penso che sia una questione di contesto e quanto bene tu conosca quel contesto. È difficile giudicare le altre persone in particolare gli stranieri.

Per esempio, se ti prendessimo e ti facessi cadere in una cultura straniera, diciamo cultura aziendale giapponese (intendiamoci questa è una cultura socialmente complessa con più livelli di cortesia basati sul tuo rango sociale), garantisco che la tua intelligenza emotiva sembrerebbe piuttosto bassa agli altri intorno a te.

Penso che sia il loro ambiente economico insieme alla generale mancanza di istruzione. Oh sì, e la cattiva alimentazione è un fattore. Ha poco a che fare con la razza e ha più a che fare con le circostanze delle “fionde e frecce” della vita, come direbbe Shakespeare.