Qual è l’uso evolutivo dei sentimenti?

Sei mai stato con amici che decidono tra un film o un bar? Se sei il tie breaker, ma non provi sentimenti, dici “Non mi interessa”

I sentimenti ti permettono di prendere decisioni (anche per alzarti dal letto la mattina). Ti fanno sapere quando qualcosa deve essere corretto e quando è abbastanza importante essere la prima cosa nella tua agenda. Ti avvisano di non fidarsi di certe persone. Ti tolgono rapidamente da un edificio in fiamme.

Studi di persone con lesioni cerebrali che interferiscono con la conoscenza dei loro sentimenti (Elliot, riportato da A Damasio) hanno mostrato che Eliot passava ore a controllare ristoranti in grado di decidere quale scegliere. Ha fatto investimenti rischiosi (e ha perso tutti i suoi soldi) perché non aveva una voce interna che gli dicesse di smettere.

Se esaminate il sommario di molti libri di testo di psicologia, il capitolo su questo argomento è “Motivazione ed emozione” perché sono così strettamente collegati

I sentimenti sono un concetto che gli animali autocoscienti assegnano a varie forme di input sensoriali. Ci sentiamo freddi perché abbiamo freddo – o perché i nostri sensi ci hanno ingannato. Proviamo amore perché siamo attratti sessualmente o emotivamente o attaccati a un’altra persona. I nostri corpi ci assegnano naturalmente per fare le cose che miglioreranno le nostre possibilità di sopravvivenza; e punirci per le cose che non lo fanno. Tutti gli animali ottengono questo in un modo o nell’altro – dolore e piacere – ma la comprensione concettualmente di questi premi è qualcosa che fanno meno animali.

Un cane e un umano provano entrambi piacere quando mangiano, ed entrambi sentono la fame. Chiamarla “fame” e differenziarla da altri tipi di ricompensa o punizione è una cosa umana (e probabilmente anche altri animali intelligenti li riconoscono).

Quindi i sentimenti sono il risultato dell’intelligenza e i vantaggi dell’intelligenza non devono essere dichiarati qui.

La nostra esperienza della gravità a livello fisico non cambia perché comprendiamo che esiste una tale forza.

Non si può veramente separare i “sentimenti” come un vantaggio da tutti gli altri vantaggi che l’intelligenza ci offre. Se non chiamassimo il rosso “rosso” non cambierebbe il fatto che il rosso sia attraente per noi nella frutta e potenzialmente pericoloso se una rana o un serpente. Queste sono reazioni istintive e la nostra sopravvivenza dipende da loro.

Per farti capire che sono temporali.
Ti evolvi in ​​un umano che non prende troppo sul serio i suoi sentimenti.
È sopravvalutato.
Ad esempio, potresti essere innamorato e pensi che sia la cosa più bella che ti sia mai capitata. A quel punto del tempo se vai in rovina e muori di fame, sicuramente non ti interesserà il tuo amore. La fame entra.

Penso che questa domanda illustri gran parte della confusione inerente a questo argomento. Innanzitutto, i sentimenti non sono emozioni. Allo stesso modo non possiamo presumere che un particolare stimolo / risposta generi necessariamente sentimenti.

Ad esempio, ogni organismo cerca cibo, dai batteri alle balene blu. Tuttavia non si può presumere che tutti questi organismi provino la sensazione di fame. Proprio come un animale che percepisce il pericolo e risponde non si può presumere che stia vivendo la paura. C’è una differenza tra rispondere al pericolo e provare una sensazione al riguardo.

Di conseguenza è molto difficile differenziare ciò che sta avvenendo.

Dal mio punto di vista, possiamo ottenere alcune informazioni determinando se tali reazioni possono verificarsi in assenza dello stimolo. Ad esempio, un animale può rispondere con paura in assenza di una minaccia reale? Se è così, allora forse possiamo sostenere che stanno rispondendo al sentimento.

Allo stesso modo porta a considerare quanto i sentimenti possano servire allo scopo di anticipare un particolare evento. Molte persone provano paura o disagio con gli aghi, ma ciò potrebbe essere dovuto all’anticipazione del dolore rispetto a qualsiasi esperienza reale con esso. Questo è esattamente ciò che piace a molte persone ed è sfruttato nei film dell’orrore.

Altri sentimenti o esperienze ci riconducono direttamente agli argomenti filosofici su qualia e coscienza e non hanno risposte pronte.

Se accettiamo che l’evoluzione porta a organismi che si adattano meglio al loro ambiente, possiamo riformulare la domanda per chiederci in che modo i sentimenti possono migliorare il nostro benessere e la capacità di far fronte al mondo?

Una risposta particolarmente vivida a questa domanda può essere trovata nel recente film di Pixar, Inside Out.

Mettere in parole le parole, capire in cima alle emozioni dovrebbe aiutarci a domarli in qualche modo e così ritardare la reazione.

Questo ritardo dovrebbe consentirci una sorta di pianificazione e anticipazione e spiegare perché siamo dove siamo.

Ora la confusione tra emozioni e sentimenti può trasformare la nostra vita in un po ‘complicata.