Sono sposato da 25 anni. Mio marito mi sta sempre mettendo in ginocchio. Sono andato a consigliare il lutto dopo la perdita dei miei genitori. Sono triste e ferito. Voglio andarmene, ma ho paura perché non sono mai stato da solo. Qual è qualche consiglio? Cosa faresti?

Non sono mai stato in una situazione come questa prima, quindi non sono sicuro di quanto sarà utile il mio consiglio, ma farò del mio meglio.

Il mio parente (non sposato) è andato a Roma di recente (siamo degli Stati Uniti) attraverso la sua chiesa. Indipendentemente dall’aspetto religioso, si è trovata più vicina ai suoi compagni di pellegrinaggio ed è cresciuta come persona sia dalle esperienze positive che da quelle negative. Forse intraprendere un’avventura o una vacanza potrebbe aiutarti a ritrovare un po ‘di confidenza, indipendenza, serenità e compostezza, anche se è solo un viaggio o qualcosa del genere.

A parte questo, tutto quello che posso dire è ricadere sui tuoi amici o su altri che comunque sono stati lì per te. Conoscevo qualcuno che ha divorziato e per un po ‘ha sostanzialmente perso l’appoggio dei suoi amici. Per quanto riguarda la partenza posso dire questo: non è una piccola cosa da fare, ma se davvero non sarai felice altrimenti non lasciare che nulla ti fermi. Vedo molte persone intrappolate in vite che non vogliono quando in realtà tutto ciò che le tiene dentro è se stessi.

Ancora una volta, non ho esperienza diretta in questa materia quindi per favore non esitare a ignorare questo consiglio se non si applica. I migliori auguri per un futuro radioso!