Anche se non ridiamo ancora e ancora la stessa battuta, piangiamo ancora e ancora la stessa cosa. È troppo ridicolo?

Howdie. Grazie per avermelo chiesto. Voglio dire che non capisco come, uno scherzo invecchierà e smetteremo di ridere. Eppure, di volta in volta, anni e anni dopo, piangiamo ancora. Ho perso mio padre lo scorso febbraio. Piango quasi tutti i giorni perché mi manca. Mia nonna morì nel luglio del 1995, dopo aver avuto 7 diversi colpi in un periodo di tre giorni, nel 1985. Credevo che fosse rimasta ferma per tutti quegli anni, solo per vedere il suo primo grandababy, mia figlia. Quindici giorni dopo la nascita di mia figlia, sono stato in grado di scattare una foto di 4 generazioni, contenente mia nonna, mia madre, io e mia figlia. È morta il giorno dopo. Piango ancora, non tanto lacrime di tristezza, anche se, sono ancora triste che lei se ne sia andata, piango lacrime di felicità e benedizioni che sono ancora qui e in grado di andare avanti con la vita. Nessuna vita non è sempre stata facile, né divertente, tuttavia, sono ancora qui, continuo a collegarmi e mi manca ancora il mio gma e papà. Tentativo di guardare al pianto come atto di pulizia. Deterge via tutta la tristezza. Questo non sempre funziona, tuttavia, devi solo continuare a collegare. Non essere imbarazzato per piangere, solo avere il controllo di quando e dove piangi. Scusa te stesso e piangi in una stanza da bagno. In questo modo puoi avere il tuo grido e essere forte per tutti gli altri. Buona fortuna nella tua ricerca.

Quando ascoltiamo o leggiamo uno scherzo, non ridiamo per la felicità, ma per divertirci. Non è la stessa cosa perché non ci influenza a livello emotivo.
Qualunque sia la battuta, non ha impatto sulla nostra vita, il nostro futuro, la nostra situazione, la nostra salute e così via. Questo è il motivo per cui, mentre siamo intrattenuti, non ne siamo coinvolti emotivamente.

La vera felicità ha la stessa ripetitività della tristezza (se vincessi oggi alla lotteria sarei felice, ma sarei felice se vinca ancora domani).