Apple ha tutto per dominare il gaming — tranne i giochi | ENBLE

Apple ha tutte le carte in mano per conquistare il mondo dei videogiochi - tranne i giochi stessi | ENBLE

Apple sta finalmente raggiungendo il suo massimo potenziale nel settore dei giochi. L’azienda ha annunciato oggi la nuova famiglia di chip M3 durante il suo evento “Scary Fast”, e questi chip includono una GPU ridisegnata che aggiunge alcune funzionalità molto necessarie per il gaming nel 2023. C’è solo un problema – non puoi giocare a un sacco di giochi su Mac.

Ci sono alcuni ottimi giochi disponibili su Mac – basta dare un’occhiata alla nostra lista dei migliori giochi per Mac – ma il grande ostacolo per Apple è sempre stato il sostegno generalizzato ai giochi. Con il lancio di M3, insieme ad alcuni sviluppi recenti per portare giochi da Windows a Mac, Apple ha la possibilità di realizzare le sue ambizioni nel settore del gaming. Ma tutto questo impegno non avrà importanza finché non vedremo giochi che vengono rilasciati sulla piattaforma insieme a PC e console.

Una GPU rivoluzionaria

La famiglia di chip M3 di Apple.
Apple

Parliamo di cosa rende il M3 speciale per il gaming. Ha un’architettura GPU completamente nuova che include tre funzionalità chiave: ray tracing accelerato hardware, mesh shader e una nuova funzione chiamata Dynamic Caching.

Il ray tracing non è una novità nel mondo dei giochi. Era una caratteristica di nicchia quando Nvidia ha introdotto il ray tracing in tempo reale nel 2018, ma da allora il ray tracing è diventato uno standard nei giochi AAA. È difficile trovare un grande titolo AAA degli ultimi anni che non utilizzi il ray tracing in qualche modo. E alcuni giochi, come Cyberpunk 2077, supportano il path tracing completo.

La mesh shading è una novità, almeno per quanto riguarda la sua presenza nei giochi. Questa funzionalità è presente da qualche anno grazie a DirectX 12 e all’hardware GPU dedicato su PC. Il primo gioco che richiede il mesh shading, Alan Wake 2, è appena stato rilasciato. Apple ha incluso il supporto per questa funzionalità nel M3 puntando al futuro, preparando la piattaforma per il successo con i futuri rilasci di giochi.

Un confronto tra il preset grafico più alto e più basso in Alan Wake 2.
Jacob Roach / ENBLE

Infine, c’è il Dynamic Caching, che è una “prima assoluta nel settore”, secondo il comunicato stampa di Apple. È difficile capire esattamente cosa faccia il Dynamic Caching, ma sembra un modo intelligente per programmare il lavoro sulla GPU. La maggior parte delle schede grafiche può gestire molte operazioni in parallelo, ma queste operazioni non utilizzano sempre tutte le risorse disponibili della GPU. Si dice che questa funzionalità migliori le prestazioni allocando dinamicamente le risorse per aumentare l’utilizzo medio della GPU.

Apple ha fatto molto affidamento sul Dynamic Caching, ma dovremo vedere esattamente cosa sta facendo una volta che i dispositivi M3 saranno disponibili. È chiaro che questa tecnologia sta già facendo qualcosa. Abbiamo avuto un’anteprima di giochi come Myst e Lies of P che giravano su un MacBook Pro M3 a oltre 60 frame al secondo (fps). Se ciò si conferma con altri giochi, Apple avrà tra le mani un hardware molto capace.

L’onda in crescita

Hideo Kojima parla dei giochi per Mac al WWDC 2023.
Apple

Il M3 è un pagella per un fondamento che Apple ha instaurato da circa un anno. Con giochi come Resident Evil 4 che arrivano su iPhone e la presenza della leggenda dei videogiochi Hideo Kojima alla Worldwide Developer’s Conference (WWDC) di Apple all’inizio dell’anno, non è un segreto che Apple stia facendo un’invasione nel settore dei giochi. Ma più che semplici uscite di giochi, Apple ha costruito un fondamento tecnologico che permetterà l’esecuzione di giochi sui Mac.

Molto di questo ruota attorno al Game Porting Toolkit. Rilasciato senza troppi clamori alla WWDC di quest’anno, questo software crea essenzialmente un ambiente di emulazione di Windows su Mac. È qualcosa che gli sviluppatori di terze parti cercano di risolvere da anni. Apple ha affermato che gli sviluppatori potrebbero vedere come il loro gioco funzionerà su Apple Silicon in una questione di minuti, anziché dover passare settimane sullo sviluppo per considerare il porting su Mac.

Ha già fatto molto lavoro. Ho provato a far funzionare Halo Master Chief Collection su un MacBook con esso, e la popolare app CrossOver è stata in grado di supportare i giochi DirectX 12 dal rilascio. Non abbiamo ancora visto il pieno risultato del Game Porting Toolkit, e sospetto che sarà fondamentale per un supporto Mac più ampio in futuro.

Inoltre, Apple ha già sviluppato MetalFX. Come abbiamo visto nel corso dell’ultimo anno, strumenti come il Deep Learning Super Sampling (DLSS) di Nvidia e il FidelityFX Super Resolution (FSR) di AMD sono essenziali per far girare giochi impegnativi sulla maggior parte dei sistemi. Apple ha una sua versione di ciò con MetalFX, che sembrava incredibilmente buono quando l’abbiamo provato in Resident Evil Village. È la stessa tecnologia che permette a Resident Evil 4 di girare su iPhone; è una cosa importante.

MetalFX e il Game Porting Toolkit si uniscono ora al M3, che include ray tracing, mesh shaders e Dynamic Caching. L’hardware e l’ecosistema sono pronti: ora abbiamo solo bisogno dei giochi.

Abbiamo bisogno di più giochi

Lies of P che gira sul MacBook Pro.
Apple

Il problema con il gaming su Mac al momento è semplicemente il supporto ai giochi. Era un problema in passato, di certo, ma era un problema oltre alla mancanza di hardware e software dedicati. Abbiamo bisogno di vedere più giochi con versioni native per Mac, e sono sicuro che li vedremo. Ma ci vorrà del tempo.

Se guardi a qualsiasi anno nel mondo dei giochi, la grande maggioranza dei titoli non vedrà una versione nativa per Mac. Ci sono alcune eccezioni come Civilization VI e Resident Evil Village, insieme ai giochi indie di successo come Hollow Knight e Hades. Ma se guardi il numero complessivo di giochi rilasciati su PC, solo una piccola frazione di essi arriva su Mac in modo ufficiale.

Non è un problema facile da risolvere per Apple, e abbiamo visto la società vacillare su questa questione nel corso dell’ultimo anno. Un buon esempio di ciò è Death Stranding. Apple ha fatto molto rumore quando il gioco è stato portato su Mac quest’anno, ed è bello vedere un rilascio così importante ottenere una porta ufficiale. È arrivato quasi quattro anni dopo il primo rilascio del gioco. Allo stesso modo, vedere giochi come Resident Evil Village e Resident Evil 4 entrare nell’ecosistema Apple è fantastico, ma sarebbe stato molto più emozionante giocare a questi giochi quando sono stati rilasciati per tutti gli altri.

Apple sta cercando di recuperare il terreno perso, probabilmente stringendo accordi con gli sviluppatori per portare giochi sulla sua piattaforma. La grande spinta nel settore dei giochi non darà frutti finché non vedremo nuovi giochi rilasciati su Mac insieme a PC. Attualmente, qualsiasi gioco AAA che viene rilasciato su Mac sembra una novità. Perché i Mac diventino una vera destinazione per il gaming, i rilasci di giochi devono sembrare la normalità.

Un iMac da 24 pollici con Civilization VI in esecuzione.
ENBLE

Sembra che parte di tutto ciò sia già in movimento. Titoli come Lies of P e Baldur’s Gate 3 sono stati rilasciati su Mac quest’anno allo stesso tempo di Windows, e sono due giochi enormi. Perché il gaming su Mac funzioni, Apple deve sfruttare rilasci come questi collaborando con gli sviluppatori in anticipo per garantire versioni native per Mac il giorno del rilascio.

Speriamo che ciò stia già accadendo. Non è una coincidenza che la saga di Resident Evil sia così presente nell’iniziativa di gaming di Apple, e c’è una buona possibilità che Apple stia sviluppando una relazione con lo sviluppatore Capcom per portare i giochi immediatamente su Mac. Allo stesso modo, i port di giochi come Death Stranding potrebbero sembrare poco, ma potrebbero gettare le basi per futuri giochi.

Se Apple continua su questa strada, il gaming su Mac potrebbe diventare un’ottima esperienza in futuro. Abbiamo l’hardware per supportarlo ora, dopotutto – abbiamo solo bisogno dei giochi.