BMW testa il LiDAR di prossima generazione per battere Tesla nelle auto a guida autonoma di livello 3

BMW testa LiDAR di prossima generazione per battere Tesla nell'autonomia delle auto di livello 3.

Solo un decennio fa, il concetto di auto a guida autonoma poteva sembrare qualcosa tratto da un film di fantascienza, ma ora si stanno facendo così tanti progressi che passi tangibili stanno portando sempre più veicoli autonomi sulla strada.

Il più recente esempio è la partnership tra BMW Group e Innoviz Technologies per portare la guida autonoma di Livello 3 a più veicoli attraverso lo sviluppo di sensori LiDAR di prossima generazione.

Inoltre: I comandi vocali alimentati da ChatGPT stanno arrivando sulle auto Mercedes-Benz

L’autonomia di Livello 3 è dove il veicolo può eseguire la guida dinamica senza intervento umano. L’Autopilot di Tesla (per le autostrade) e la guida completamente autonoma (per le strade ordinarie) sono rimasti al Livello 2 per anni, nonostante molte previsioni ottimistiche del CEO Elon Musk che Tesla avrebbe presto raggiunto il Livello 3 o superiore.

BMW e Innoviz hanno lavorato insieme per diversi anni su tecnologie altamente automatizzate abilitate da LiDAR che saranno disponibili sulla Serie 7 di BMW entro la fine dell’anno. Le due aziende stanno espandendo la loro collaborazione e concentrando gli sforzi sulla tecnologia LiDAR di seconda generazione con una fase di campionatura B, che è la fase di test del veicolo in cui il campione viene incorporato nelle vetture dimostrative.

I risultati della prima fase determineranno se il BMW Group entrerà in un accordo di sviluppo seriale con Innoviz con lo scopo di portare capacità automatizzate avanzate a una gamma più ampia di veicoli nella lineup di BMW, secondo il comunicato stampa.

“Siamo molto lieti che Innoviz sviluppi i primi campioni B di questa nuova generazione di LiDAR e speriamo che i risultati della fase di campionatura B creino una base per una possibile futura estensione della nostra collaborazione”, ha detto Nicolai Martin, SVP Driving Experience BMW Group.

Oltre alle funzionalità di guida autonoma, BMW vuole utilizzare la tecnologia per aumentare la sicurezza dei veicoli quando sono alla guida gli esseri umani. Il comunicato afferma: “Il BMW Group e Innoviz hanno avviato questa prima fase per sviluppare un futuro sistema di manovra a rischio minimo basato su LiDAR. Il MRM funge da piattaforma di decisione di guida di sicurezza secondaria che sfrutta le prestazioni avanzate, l’affidabilità e la resilienza del LiDAR InnovizTwo per gestire decisioni di guida in tempo reale.”

Inoltre: Il prodotto Full Self-Driving di Tesla non è ciò che la maggior parte delle persone definisce una guida “completamente” autonoma

La critica alla tecnologia LiDAR è che si tratta di un sensore superfluo ed costoso. Mentre Tesla è stato a lungo leader nel campo delle funzionalità di veicoli autonomi, non utilizza sensori LiDAR nei suoi veicoli, con Musk che va persino fino a dire che “Chiunque si affidi al LiDAR è destinato al fallimento”.

Tuttavia, altri, come il CEO del BMW Group, ritengono che i sensori LiDAR siano cruciali nello sviluppo dei sistemi di guida autonoma. Il maggior vantaggio del LiDAR è la sua capacità di rilevare oggetti sulla strada indipendentemente dalle condizioni meteorologiche o di illuminazione.

“Il LiDAR è una delle tecnologie fondamentali che sottendono alle funzioni di guida altamente automatizzate di Livello 3 o anche superiori. Ottimizzare le tecnologie e i costi LiDAR sono le principali sfide per portare la guida altamente automatizzata di Livello 3 al grande pubblico”, ha detto Martin.