Tre future generazioni di processori Intel supereranno Apple, afferma il CEO

CEO says three future generations of Intel processors will surpass Apple.

Intel ha tenuto martedì una festa di debutto per il suo Meteor Lake, il processore che sarà in vendita il 14 dicembre. Ma se stai cercando di decidere se restare con i laptop Windows con processori Intel o passare ai nuovi efficienti e potenti MacBook di Apple, presta attenzione agli altri tre processori in lavorazione.

Alla conferenza di innovazione di Intel, il CEO Pat Gelsinger ha elogiato una serie di nuovi processori che arriveranno nel 2024 e nel 2025. Prima ci sono Arrow Lake e Lunar Lake. Poi, nel 2025, arriva Panther Lake, il cui design è “ben avviato”, ha detto Gelsinger, confermando un nome in codice già noto.

Nel tentativo di dimostrare che i prodotti non sono solo fantasia, Gelsinger ha mostrato un computer prototipo Lunar Lake, una goffa scatola blu contrassegnata “Lab CSF” e dotata di controlli tecnici come “clear cache” e “virtual battery” che non troverai nel tuo PC medio. E ha mostrato una wafer costruita con Intel 18A, il processo di produzione che l’azienda spera restituirà il primato nella realizzazione dei chip che ha perso nei confronti di Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. (TSMC) e Samsung.

Vedi anche: All’interno della fabbrica di chip di Intel, ho visto il futuro. È un semplice vecchio vetro

Questi e altri esempi di tecnologia fanno ben sperare per un’azienda che ha lottato per anni, secondo l’analista di CCS Insight James Sanders. “Si può sicuramente percepire di nuovo un’atmosfera che Intel è nuovamente un’azienda guidata dall’ingegneria”, ha detto Sanders. “Questa è l’immagine che devono dare dopo anni di gestione da parte di contabili.”

Alla conferenza di innovazione di Intel, Intel ha mostrato un PC prototipo alimentato dal processore Lunar Lake e che esegue una dimostrazione di software AI generativo.

Stephen Shankland/CNET

Intel ha fornito ad Apple processori per i suoi Mac per anni, ma Apple ha espulso Intel ed è passata alla sua serie di processori M, varianti più potenti degli stessi chip che alimentano iPhone e iPad. I MacBook M1 e M2 hanno ricevuto plausi per la velocità e la durata della batteria, e i dirigenti di Intel hanno ammesso che migliorare entrambe le caratteristiche è una priorità assoluta. Intel non ha ancora rivelato i dettagli sulle prestazioni di Meteor Lake, ma l’azienda promette miglioramenti nelle prestazioni di elaborazione, grafiche e di intelligenza artificiale.

Per la progressione del processore da Meteor Lake a Panther Lake, Intel confronta le sue prestazioni con quelle dei rivali, tra cui Apple, in tre test di velocità: CPU (unità di elaborazione centrale per il calcolo generale), GPU (unità di elaborazione grafica) e NPU (unità di elaborazione neurale per velocizzare l’IA) all’interno di un budget di potenza fisso.

“Guardiamo alla capacità complessiva che stiamo offrendo tra questi tre, e pensiamo che queste piattaforme diventino molto competitive, le migliori che Mac o chiunque altro offra”, ha detto Gelsinger in una conferenza stampa durante lo show. “Siamo molto, molto fiduciosi sulla roadmap.”

Apple non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Le fabbriche Intel iniziano la produzione di Panther Lake entro marzo 2024

Le strutture di produzione Intel, o fabbriche, inizieranno a costruire i primi processori Panther Lake nel primo trimestre del 2024, ha detto Gelsinger.

“Questo avviene su Intel 18A, la linea di arrivo dei nostri cinque nodi in quattro anni”, ha detto, facendo riferimento agli sforzi dell’azienda per avanzare rapidamente nelle nuove migliorie dei processi di produzione al fine di tornare a essere competitiva.

Alla conferenza di innovazione di Intel, il CEO Pat Gelsinger tiene una wafer costruita con il processo di produzione Intel 18A che l’azienda spera restituirà il suo primato nella realizzazione di chip.

Stephen Shankland/CNET

Intel ha anche mostrato nuovi processori Xeon per i giganteschi data center che mantengono attive i servizi di cloud computing dei giganti tecnologici, ha annunciato che Stability.ai acquisterà i suoi acceleratori AI Gaudi, e ha pubblicizzato una nuova tecnologia di substrato in vetro che si prevede renderà i processori più veloci, più efficienti dal punto di vista energetico e più grandi nel corso del decennio.

I processori AI sono i processori più grandi in circolazione, e la domanda è aumentata con l’esplosione dell’interesse per la tecnologia AI generativa. Il concorrente di Intel, Nvidia, ne è stato il principale beneficiario, ma Intel ha annunciato che Stability.ai, un’azienda di immagini AI generative, acquisterà un supercomputer AI basato su Gaudi con processori Xeon che sovrintenderà a 4.000 acceleratori AI Gaudi.

Nuovi passi nella fabbricazione dei chip Intel

Intel sta recuperando il terreno perso rispetto ai suoi concorrenti in un’area di produzione di chip, l’uso della luce ultravioletta estrema (EUV) per incidere caratteristiche più fini sui wafer di silicio. Si prevede che sarà in vantaggio, almeno un po’, con il prossimo avanzamento chiamato high numeric aperture (high NA) EUV.

Ciò consentirà ai produttori di chip di incidere caratteristiche ancora più piccole e di adattare più circuiti transistor sui processori. Ma maggiori dettagli con il processo EUV più avanzato comportano un costo: la dimensione massima del processore che può essere realizzato è la metà di quella con EUV regolare. Questo è principalmente un problema con i processori di grandi dimensioni come gli acceleratori AI, e i produttori di processori possono raggruppare diversi “chiplet” in un unico pacchetto per compensare.

Intel prevede di ottenere la prima macchina EUV per la produzione di chip ad alto volume alla fine del 2023, ha detto Gelsinger. L’unico fornitore è l’azienda olandese ASML. Il suo processo Intel 18A potrebbe utilizzare un’alta NA, ma i chip 18A potrebbero anche essere realizzati con EUV convenzionale e più passaggi nel processo di produzione.

Intel sta lavorando su substrati di vetro, un’aggiornamento del materiale che si trova sotto un processore che lo collega a una scheda di circuito. Qui, Gelsinger tiene una wafer di vetro trasparente da 300 mm puntinata di processori.

Stephen Shankland/CNET

Gelsinger parla del piano di cinque nodi in quattro anni da più di due anni: Intel 7, Intel 4, Intel 3, Intel 20A e Intel 18A. All’Innovation, ha descritto per la prima volta i futuri progressi nella produzione di processori, mostrando una roadmap con tre passaggi successivi all’18A.

Intel 20A e 18A utilizzano una tecnologia chiamata gate all around, che Intel commercializza come RibbonFET, per miniaturizzare i transistor e contribuire a mantenere invariata la Legge di Moore. Utilizzano anche l’alimentazione posteriore, che Intel commercializza come PowerVia, per migliorare l’efficienza nella gestione dell’elettricità. Intel sta lavorando su nuove versioni di entrambe.

“Stiamo apportando ulteriori miglioramenti al gate all around”, ha detto Gelsinger. “Siamo anche molto avanzati nella prossima versione di PowerVia”.

Gelsinger afferma che ci sono tre tipi di produttori di chip: “Sei grande, sei di nicchia o sei morto”. Intel sta cercando di accelerare i progressi nella produzione di chip per evitare di essere spinta fuori dal bordo tecnologico e relegata alla produzione di chip più vecchi, una sorte che IBM e AMD hanno affrontato negli ultimi anni.

“Intel è troppo grande per essere di nicchia”, ha detto Gelsinger, “quindi è meglio che diventiamo davvero grandi”.

Ho avuto un’anteprima della tecnologia di imballaggio in vetro di Intel per chip più veloci