Recensione di iPhone 15 Pro Max Apple fa un forte caso per il suo telefono più grande

iPhone 15 Pro Max review Apple makes a strong case for its largest phone

“Carichiamo l’iPhone 15 Pro Max prima di andare a letto,” pensai stancamente dopo una lunga giornata ad Apple Park. Anche se il dispositivo, che avevo appena aperto poche ore prima, mostrava ancora almeno l’80 percento di batteria, volevo assicurarmi che non si scaricasse il giorno successivo. Il tempo con una nuova unità di revisione è prezioso e non potevo rischiare di sprecarne un po’ su un telefono scarico.

Ho trascinato me stesso fino alla scrivania nel mio hotel, ho scollegato il mio iPhone 14 Pro e ho inserito il caricabatterie Lightning nell’iPhone 15 Pro Max. Non funzionava. Nella mia nebbia priva di sonno, ho provato ancora qualche volta a infilare il cavo nella porta. Non è stato fino a circa cinque tentativi dopo che mi è venuto in mente: questo è USB-C.

Una scintilla di gioia ha squarciato la nebbia che offuscava il mio cervello, finché ho capito che dovevo scollegare il mio laptop o configurare un nuovo caricabatterie USB-C. Ho guardato l’orologio, ho dato un’occhiata all’indicatore di batteria dell’iPhone 15 Pro Max, ho scrollato le spalle e sono andato a dormire. Probabilmente avrà abbastanza energia fino a quando non potrò collegarlo al mattino.

Come è emerso, anche se il mio sogno di un mondo in cui un solo caricabatterie va bene per tutti si è finalmente avverato (almeno per i dispositivi che uso), l’utopia che avevo immaginato non era perfetta nella realtà. Volevo solo poter portare un caricabatterie singolo per mezza dozzina (o giù di lì) di gadget che porto in giro quando viaggio, ma probabilmente non succederà mai. Se devo comunque portare più cavi, importa se uno di essi è Lightning?

Alla fine, sì, ma la comodità di poter utilizzare qualsiasi cavo che ho per caricare qualsiasi dispositivo che possiedo non fa una grande differenza come mi aspettavo. Almeno per ora. Forse sarà un miglioramento più grande quando le persone che utilizzano iPhone più vecchi che si caricano tramite Lightning passeranno finalmente a USB-C e tutto il mondo adotterà questo standard. Per ora, però, il cambiamento è piccolo.

Ciò che potrebbe contare di più sull’iPhone 15 Pro e Pro Max sono il nuovo pulsante di azione, i miglioramenti della fotocamera, il design raffinato e il processore aggiornato. Apple è anche riuscita a mantenere lo stesso prezzo per il Pro ($999) e il Pro Max ($1,199) raddoppiando la capacità di archiviazione del modello di base di quest’ultimo. Se hai tenuto un iPhone per almeno due anni (o anche solo uno), quest’anno potrebbe essere il momento di fare l’aggiornamento.

Design

Per la prima volta, mi sto seriamente considerando di passare a un Pro Max. In passato, nonostante alcuni vantaggi di prestazioni e caratteristiche superiori, il più grande dispositivo di Apple è sempre sembrato troppo pesante. Ma grazie alla sua nuova struttura in titanio, l’iPhone 15 Pro Max è di frazioni di pollice più piccolo e quasi 20 grammi (o circa mezza oncia) più leggero rispetto al suo predecessore. L’ho detto nella mia prova pratica e lo ripeterò: l’iPhone 14 Pro Max sembrava che avrebbe fratturato il mio cranio se fosse caduto sul mio viso, mentre il nuovo modello potrebbe lasciare solo un livido (o forse una botta).

Probabilmente questo è in parte grazie al fatto che i bordi del nuovo iPhone sono leggermente curvi, il che non solo li fa sembrare meno affilati, ma dà al dispositivo l’illusione di essere più sottile, anche se in realtà è di un centesimo di pollice più spesso dell’anno scorso.

Parlando di misurazioni minuscole, le cornici dell’iPhone 15 Pro e Pro Max sono anche leggermente più piccole rispetto al passato. Questo è in gran parte il motivo per cui Apple è stata in grado di mantenere le stesse dimensioni dello schermo riducendo la lunghezza e la larghezza di ciascun dispositivo.

Insieme ai bordi più sottili, i cambiamenti complessivi nel design rendono l’iPhone 15 Pro Max leggermente più facile da usare con una sola mano. Apprezzo anche la finitura in metallo spazzolato della mia unità di prova in Titanio Naturale, anche se vorrei che Apple desse alla linea Pro dei colori più vivaci. Quest’anno, puoi scegliere dalla tonalità argentata che ho io, o bianco, nero e blu. Sbadiglio. So che molte persone mettono una custodia sui loro nuovi telefoni non appena li ricevono, ma alcuni di noi amano vivere un po’ pericolosamente e vogliono un bel colore come quelli degli iPhone 15 normali.

Anche se l’iPhone 15 Pro Max è più piccolo e leggero rispetto alla generazione precedente, è comunque uno dei più pesanti della sua categoria. Il Pixel 7 Pro è leggermente più leggero a 212 grammi (7,5 once), mentre il Samsung Galaxy S23 Ultra è il più pesante a 234 grammi (8,25 once). Nel frattempo, il modello Pro più piccolo è effettivamente più leggero del S23 Plus (195 grammi) e del Pixel 7 (197 grammi, 6,9 once).

Non ho usato i telefoni abbastanza a lungo, né sono stata abbastanza coraggiosa da rischiare di esporre queste unità di prova alla mia borsa pericolosa senza una custodia, quindi non posso dirti quanto sia resistente o resistente ai graffi la struttura in titanio. Fortunatamente, non ho ancora lasciato cadere nessuno dei due dispositivi, ma, come negli anni precedenti, entrambi hanno una classificazione IP68 per la resistenza alla polvere e all’acqua, il che dovrebbe fornire tranquillità anche ai più maldestri di noi.

Ci sono, ovviamente, due importanti cambiamenti hardware esterni quest’anno: USB-C e il pulsante Azione. Se non li stai cercando, queste differenze non sono evidenti. Il foro nella parte inferiore è ancora un foro, mentre il pulsante ora sporge leggermente di più rispetto a prima. E poiché gli iPhone 15 Pro sono leggermente più piccoli rispetto ai loro predecessori, la tua vecchia custodia non si adatterà.

Pulsante Azione

Sono rimasta sorpresa nel sapere che in realtà sono in minoranza tra le persone che utilizzavano la levetta del silenzioso sui vecchi iPhone. Sembra che apparentemente la maggior parte delle persone imposti i loro dispositivi in modalità silenziosa e lasci tutto così. Io tendo a lasciare il mio telefono sul divano mentre faccio le faccende domestiche, quindi ogni tanto lo impostavo per suonare in modo da non perdere le chiamate dei corrieri.

In ogni caso, il fatto che Apple abbia sostituito la levetta del silenzioso con il pulsante Azione non mi disturba. Ottengo comunque l’accesso a un tasto fisico per mettere rapidamente il telefono in modalità silenziosa, ma per le persone che non utilizzano quella funzione, ci sono molte altre opzioni. Puoi impostarlo per aprire la fotocamera, accendere la torcia, avviare una registrazione vocale, cambiare le modalità di messa a fuoco o avviare una scorciatoia. In ognuna di queste, puoi regolare le impostazioni in modo da far sì che il sistema, ad esempio, avvii la fotocamera in modalità selfie o ritratto.

Una volta che hai utilizzato il pulsante Azione per avviare la tua scorciatoia, puoi continuare a premere il pulsante per controllare l’azione principale in ogni scenario. Nella fotocamera, si tratta dello scatto. Per le registrazioni vocali, diventa il tasto di avvio o di stop.

Nei giorni in cui ho testato l’iPhone 15 Pro Max, l’ho impostato per avviare la fotocamera, poiché mi sono concentrata sul test dell’hardware nuovo. È stato sinceramente un dono e una maledizione. Da un lato, è molto più veloce utilizzare il pulsante Azione per aprire la fotocamera anziché dover premere a lungo o scorrere sulla scorciatoia sullo schermo. D’altra parte, non è sempre stato più facile raggiungere il pulsante Azione, e anche se è abbastanza facile identificarlo dalle dimensioni, mi è capitato di premere accidentalmente i tasti del volume alcune volte.

Ho la sensazione che questo sia un gesto a cui mi abituerò col tempo, soprattutto perché alla fine mi è stato utile quando ho fotografato freneticamente alcuni cervi selvatici e conigli nel Caumsett State Historic Park.

È anche importante notare che, nonostante le mie preoccupazioni che il pulsante Azione potesse essere troppo facile da attivare accidentalmente, non sono ancora riuscito a lanciare la fotocamera per errore. Ho gettato l’iPhone 15 Pro Max in una sacca piena di altri telefoni, uno zaino pieno di giacche e snack, così come una borsa da viaggio compatta e stretta. Sorprendentemente, nessuna di queste pressioni ha causato l’attivazione della scorciatoia.

Fotocamere – Zoom o senza zoom

Quest’anno, il Pro Max ha un nuovo obiettivo teleobiettivo che offre uno zoom ottico 5x, grazie a un design tetraprisma che riflette la luce quattro volte all’interno del corpo dell’iPhone e crea abbastanza spazio per una lunghezza focale di 120 mm. Nel frattempo, il Pro più piccolo mantiene ancora uno zoom ottico 3x a 77 mm.

Nella realtà, l’iPhone 15 Pro Max ha fornito dei primi piani leggermente più puliti rispetto a quanto il suo predecessore fosse in grado di fare. Li ho entrambi usati per scattare foto di una pubblicità dell’iPhone 15 Pro Max sul lato di un edificio e solo dopo aver ingrandito le immagini sul mio laptop ho notato una leggera differenza. Il nuovo telefono ha reso meglio la cornice di una finestra, con un po’ meno rumore rispetto all’iPhone 14 Pro Max.

Quando ho impostato entrambe le fotocamere per scattare alla distanza massima di 15x del vecchio telefono, il nuovo telefono aveva un vantaggio evidente. Le parole sul retro di un autobus lontano erano così chiare sull’iPhone 15 Pro Max che potevo effettivamente indovinare cosa diceva una pubblicità, mentre l’immagine dell’iPhone 14 Pro Max era praticamente sfocata.

Il rivale più vicino dell’iPhone 15 Pro Max nel campo della fotografia con zoom è il Pixel 7 Pro di Google, che offre anche uno zoom ottico 5x. Il Galaxy S23 Ultra di Samsung ha opzioni 3x e 10x, con un totale di zoom 100x quando combinato con l’elaborazione digitale. Non è una sorpresa, quindi, che in generale, il telefono Galaxy tendesse a fornire le immagini più nitide a 3x, 5x e oltre. Le parole erano visibili sugli oggetti lontani e le lame d’erba erano più nitide.

Rispetto al Pixel 7 Pro, l’iPhone 15 Pro Max offriva una chiarezza e un dettaglio simili, così come immagini più luminose. Ma Google di solito offre un miglior contrasto e ombre.

In una situazione molto impegnativa in cui stavo cercando di fotografare un airone grigio che si stava facendo il bagno a Oyster Bay a Long Island, l’iPhone era migliore nel mantenere le increspature sulla superficie dell’acqua, mentre il Pixel sovraespose principalmente il mare. A uno zoom 10x, le foto del Galaxy S23 Ultra dell’uccello sembravano immagini del Predator, complete di un estremo effetto alone intorno al soggetto.

L’iPhone e il Pixel ti consentono entrambi di utilizzare queste opzioni di teleobiettivo durante la registrazione video, il che è stato utile quando ho provato a filmare un capriccioso cervo neonato da una certa distanza. Il Galaxy, d’altra parte, è bloccato a un solo livello di zoom. In definitiva, se usi spesso il tuo telefono per fotografare soggetti distanti, l’iPhone 15 Pro Max ti servirà bene e si è quasi messo al passo con la concorrenza.

Ciò che potrebbe essere più importante nelle tue situazioni quotidiane di fotografia è il migliorato flusso di lavoro della modalità ritratto, che Apple afferma ora “beneficia del motore fotonico”. Ero davvero entusiasta di vedere un miglioramento qui, poiché mi affido molto alla modalità Ritratto per la maggior parte delle mie foto di cibo, animali e persone. Per gli ultimi due (specificamente gatti, cani e persone), Apple catturerà automaticamente le informazioni di profondità in modo da poter successivamente modificare lo sfocato dello sfondo e non dovrai entrare nella modalità Ritratto solo per ottenere il bokeh. Ma purtroppo, l’iPhone è ancora indietro rispetto ai suoi competitor come Pixel e Galaxy.

Nel mio ritratto ravvicinato delle granella su una pallina di gelato, il Pixel 7 Pro e il Galaxy S23 Ultra sono riusciti a mantenere nitide le singole granella così come un cucchiaino a fuoco, mantenendo la texture gelata delle colline sottostanti. Nel frattempo, l’immagine dell’iPhone 15 Pro Max era un disastro, con grandi parti del cucchiaino e del gelato sfocate e altri frammenti casuali a fuoco. Potrebbe essere stato un caso fortuito, ma non ho mai ottenuto lo stesso risultato con gli altri telefoni.

L’effetto ritratto di Apple si è comportato meglio quando sono passato allo zoom 1x, anche se, come con i vecchi iPhone, devo allontanarmi significativamente prima che gli effetti bokeh si attivino. Ma quando ha funzionato, la modalità ritratto dell’iPhone ha prodotto una profondità di campo più ridotta e più pronunciata rispetto ai telefoni di Google e Samsung. Il Pixel ha prodotto un risultato più naturale e sottile, però.

La buona notizia è che con il nuovo strumento di messa a fuoco e controllo della profondità di Apple, è possibile modificare l’effetto di sfocatura dello sfondo nella maggior parte delle foto. Oppure è possibile cambiare completamente il punto focale. Questo funziona bene anche con la fotocamera frontale e le foto in movimento, e in generale produce risultati piacevoli. L’iPhone è sorprendentemente preciso nel riconoscere i contorni dei soggetti, anche se non tutte le mie foto con persone sono state identificate come ritratti. Inoltre, non sono riuscito a utilizzare questo strumento per correggere le foto sgranate dei gelati, poiché alcune parti delle granella sono rimaste sfocate ovunque ho provato a impostare un nuovo punto focale.

Anche se Apple ha lavorato per migliorare la modalità Notte, Google ha ancora il vantaggio nelle condizioni di scarsa illuminazione. Le mie foto di alberi e case lungo un lago al buio sono venute meglio sul Pixel, che ha mantenuto il gradiente nel cielo e una panchina in primo piano, senza sovraesporre le luci delle case dall’altra parte dell’acqua. L’iPhone 15 Pro Max e il Galaxy S23 Ultra si sono comportati in modo dignitoso, anche se il telefono di Samsung era il più suscettibile alla sovraesposizione delle luci.

Vale la pena sottolineare che le foto dell’iPhone ora utilizzano una risoluzione predefinita di 24 megapixel, combinando la luce ottenuta dalle foto da 12MP e i dettagli dal sensore da 48MP. Le dimensioni dei file sono circa mezzo megabyte più grandi rispetto al passato, il che probabilmente consumerà più rapidamente lo spazio di archiviazione.

Una cosa che questa elaborazione consente ad Apple di fare è offrire tre opzioni di lunghezza focale: 24 mm, 28 mm e 35 mm. Praticamente, questo significa solo che è possibile toccare l’icona “1” in fondo al mirino per passare tra le opzioni 1x, 1,2x e 1,5x. Apple non ha semplicemente ritagliato da un’immagine da 48MP per creare queste visualizzazioni, ma ha creato pipeline di elaborazione individuali per consentire queste opzioni con la risoluzione predefinita di 24MP. Ma per la maggior parte dei fotografi mobili, questo non significherà molto. Si traduce solo in alcune opzioni di zoom interessanti, che sono divertenti da usare ma non le ho usate molto spesso.

Nella maggior parte dei casi, l’iPhone 15 Pro Max offre paesaggi e ritratti solidi alla luce del giorno e ha mostrato un leggero miglioramento di notte. La qualità dei video rimane probabilmente la migliore del settore, con video in modalità cinematografica ancora esteticamente piacevoli come prima.

Prestazioni, utilizzo e durata della batteria

È difficile valutare le prestazioni di qualsiasi nuovo telefono in soli una settimana. Appena usciti dalla confezione, i dispositivi di solito non presentano alcun ritardo e l’iPhone 15 Pro Max è veloce come ci si aspetta. Il suo chip A17 Pro ha mantenuto tutto in esecuzione senza problemi mentre testavo rapidamente diverse modalità fotocamera e video, scaricavo giochi, visualizzavo foto e creavo un hotspot verso un altro iPhone nelle vicinanze. Ho notato alcuni intoppi durante l’avvio della fotocamera con il pulsante Azione, ma penso che ciò sia dovuto a problemi di software piuttosto che a vere prestazioni.

Uno dei maggiori aggiornamenti con il processore A17 Pro è il processore grafico a sei core che consente l’accelerazione hardware del ray-tracing per effetti di illuminazione realistici nei giochi. Ciò consente ad Apple di convincere sviluppatori seri e studi come Capcom e Ubisoft a portare versioni a livello di console dei loro titoli su iPhone. Ho potuto dare un’occhiata a un’anteprima di Resident Evil Village sull’iPhone 15 Pro e ha funzionato senza intoppi come previsto. A parte i bambini inquietanti, alcuni degli effetti grafici e di illuminazione erano belli e non ho notato nessun frame perso, anche se i bordi dei capelli di un personaggio sembravano un po’ sgranati. Non aspettatevi una qualità al livello delle console di fascia alta qui, ma otterrete animazioni piuttosto buone in generale.

Adoravo guardare il mio nuovo poster dei contatti sul display da 6,7 pollici del Pro Max, e grazie al refresh rate di ProMotion a 120Hz, lo scorrimento attraverso le lunghe liste dei visualizzatori delle mie storie su Instagram era sorprendentemente fluido. Mentre mi stavo preparando in una camera d’albergo, la musica di sottofondo che ho riprodotto suonava sorprendentemente chiara e forte attraverso gli altoparlanti.

Ho già descritto l’effetto che USB-C ha effettivamente nel mondo reale, quindi non ne parlerò ancora. Quello che non ho menzionato è che con il passaggio alla nuova porta, Apple è stata anche in grado di aggiungere il supporto per USB Power Delivery (USB PD), che consente all’iPhone di caricare altri dispositivi. Ad esempio, è possibile utilizzare un cavo USB-C to Lightning per alimentare una custodia AirPods, o addirittura un altro iPhone.

È una funzione molto utile, soprattutto considerando quanto dura la batteria dell’iPhone 15 Pro Max. Di solito durava circa due giorni con una carica, leggermente più a lungo rispetto ad altri dispositivi di questa dimensione. Naturalmente, nel tempo, mi aspetto che la durata della batteria si deteriori e si stabilizzi a circa un giorno e mezzo, sulla base dell’esperienza precedente.

Quando è il momento di ricaricare il tuo iPhone, puoi aspettarti velocità di ricarica simili ai modelli precedenti, ovvero caricare fino al 50 percento in circa 30 minuti. La ricarica rapida è supportata con unità di alimentazione compatibili, limitata a 27 watt, che è fondamentalmente la stessa di prima.

Conclusione

I nuovi iPhone di quest’anno sembrano effettivamente aggiornamenti significativi rispetto agli ultimi due modelli. Con l’introduzione del pulsante Azione, USB-C e alcuni miglioramenti della fotocamera, i cambiamenti apportati agli smartphone Pro di Apple sembrano più sostanziali rispetto al passato. Inoltre, la nuova struttura in titanio rende i dispositivi sembrare rinfrescati, mentre i progressi interni come il processore A17 Pro e un chip ultra wideband di seconda generazione dovrebbero garantire un utilizzo quotidiano senza intoppi. Sebbene le singole funzionalità sembrino piccole da sole, nel complesso gli aggiornamenti di quest’anno si sommano a più del totale delle loro parti.

Naturalmente, ci sono anche i modelli non Pro dell’iPhone 15 da considerare e, grazie ai loro nuovi sensori da 48MP e ai bei colori, rappresentano una valida alternativa a costo inferiore. Si caricano anche tramite USB-C e dispongono degli stessi nuovi effetti di immagine in modalità ritratto, che potrebbero essere sufficienti per la maggior parte delle persone. La nostra recensione di quel dispositivo sarà presto disponibile, quindi rimanete sintonizzati se non riuscite a decidere tra l’iPhone 15 standard o il Pro.

Nel frattempo, se sei sempre stato un utente Pro e vivi già in un mondo USB-C, l’iPhone 15 Pro e Pro Max soddisferanno quasi certamente le tue aspettative.