Le nuove estensioni di Bard di Google collegano Gmail, Docs, Maps e altro al suo chatbot di intelligenza artificiale

Le nuove estensioni di Bard di Google collegano diverse app al suo chatbot di intelligenza artificiale.

Google sta ampliando la portata del suo strumento di intelligenza artificiale Bard per integrarsi direttamente con molte delle app e dei servizi principali dell’azienda. Annunciate martedì, le nuove funzionalità conosciute come estensioni Bard possono collegarsi con Gmail, Docs, Google Drive, Google Maps, YouTube e persino Google Flights e Hotels. L’idea è utilizzare Bard come un unico punto di accesso per ottenere informazioni da questi diversi servizi.

Utilizzando le estensioni di Bard, puoi fare domande e inviare richieste che si collegano a una o più delle diverse app di Google.

Inoltre: Come utilizzare Google Bard ora

Ad esempio, forse stai pianificando un viaggio a Tokyo con altri membri della famiglia e desideri un po’ di aiuto da parte di Bard. Potresti chiedere allo strumento di cercare date che funzionino per tutti basandosi sulle e-mail di Gmail, cercare informazioni sui voli e sugli hotel, trovare indicazioni di Google Maps per l’aeroporto e guardare video di YouTube su Tokyo. E puoi fare tutto questo in una singola conversazione con Bard.

Come altro esempio, forse stai cercando un nuovo lavoro e hai bisogno dell’assistenza di Bard per trovare un curriculum specifico salvato in Google Drive. Potresti chiedere il curriculum per nome o data e chiedere a Bard di riassumerlo per aiutarti a creare una lettera di presentazione per la posizione.

Le estensioni di Bard sono opzionali, quindi puoi attivarle o disattivarle per ogni applicazione. Qualsiasi informazione personale acquisita da Gmail, Docs o Drive non è visibile ai revisori umani, non verrà utilizzata per generare annunci pubblicitari e non verrà utilizzata per addestrare Bard, promette Google.

Inoltre: Google Bard AI afferma che dovrebbero essere prese misure urgenti per limitare (*controlla le note*) il potere di Google

Per provare le estensioni di Bard, avvia Chrome e vai alla pagina delle estensioni. Qui puoi abilitare o disabilitare le estensioni per Google Flights, Google Hotels, Google Maps, Google Workspace (Gmail, Docs, Drive) e YouTube. L’abilitazione di Google Workspace ti richiederà di connetterti al tuo account Google Workspace. Questa pagina elenca alcuni esempi per ogni app in modo da poter fare una prova prima di inviare le tue richieste.

Successivamente, vai su Bard e inserisci la tua domanda o richiesta nell’invito. Se la tua richiesta contiene una parola come “hotels”, “flights” o “directions”, Bard si collegherà automaticamente all’estensione corretta per formare la sua risposta. In caso contrario, puoi fare riferimento al servizio che desideri utilizzare con il simbolo “@”. Inizia a digitare “@” seguito dal servizio in questione, come “@hotels”, “@flights” o “@maps”, e Bard sceglierà quello corretto. Bard utilizzerà quindi il servizio appropriato per generare e visualizzare la sua risposta.

E c’è di più per gli utenti di Bard. Uno dei problemi con i chatbot di intelligenza artificiale di oggi è che sono inclini a fornire informazioni errate o allucinazioni, come li chiamano gli sviluppatori.

Inoltre: I migliori chatbot di intelligenza artificiale 

Per cercare di proteggersi da questi inconvenienti, Bard offre ora un modo per verificare le risposte in inglese. Dopo che appare la risposta, fai clic sull’icona di Google.

Bard valuterà quindi la sua stessa risposta e cercherà sul web fonti per verificare le informazioni. Ogni frase o frase nella risposta verrà quindi evidenziata. Facendo clic su una sezione evidenziata verrà visualizzata la fonte delle informazioni.

Come ulteriore novità di Bard, Google ora consente di sviluppare conversazioni condivise. Condividi una chat di Bard con qualcun altro tramite un link. Quella persona potrà quindi continuare la conversazione per fare altre domande a Bard relative all’argomento. In questo modo, entrambi potete utilizzare Bard in modo collaborativo per esplorare lo stesso argomento.

“Tutte queste nuove funzionalità sono possibili grazie agli aggiornamenti che abbiamo apportato al nostro modello PaLM 2, il nostro modello più capace finora”, ha dichiarato Google in un post del blog sui nuovi aggiornamenti di Bard. “Sulla base dei vostri feedback, abbiamo applicato tecniche di apprendimento per rinforzo all’avanguardia per addestrare il modello in modo da renderlo più intuitivo e fantasioso. Quindi, che tu voglia collaborare su qualcosa di creativo, iniziare in una lingua e continuare in una delle altre 40+, o chiedere assistenza dettagliata per la programmazione, Bard può ora rispondere con una qualità e precisione ancora maggiori.”