L’IA è molto simile allo streaming. Gli add-on si accumulano velocemente.

L'IA è simile allo streaming, gli add-on si accumulano rapidamente.

Quanti servizi di streaming video hai sottoscritto? Per me, sono molti. Ho abbandonato il servizio di televisione via cavo nel lontano 2015, quindi mia moglie e io ci affidiamo allo streaming per tutto il nostro intrattenimento televisivo.

All’epoca, abbiamo ottenuto un notevole risparmio di costi mantenendo la connessione internet e rinunciando alla televisione via cavo. Nel tempo, però, abbiamo aggiunto molti canali di streaming per ottenere i nostri programmi preferiti e stiamo spendendo circa la stessa cifra che spenderemmo con la televisione via cavo. Alla fine dell’anno, faremo la nostra revisione annuale dei servizi di streaming televisivo e vedremo cosa possiamo eliminare.

Inoltre: I migliori servizi di streaming TV in diretta

Per essere onesti, i canali solo di streaming stanno producendo contenuti veramente eccezionali. È un’altra età dell’oro per l’intrattenimento televisivo: Paramount+ ha Strange New Worlds; Apple TV+ ha For All Mankind e Foundation; Disney+ ha The Mandalorian e il resto dei programmi televisivi di Star Wars; e Netflix, Prime Video e Hulu hanno ottimi programmi esclusivi. In breve, mantenerci aggiornati costa.

Ora, stiamo iniziando a vedere lo stesso trend con i servizi di streaming video nel mondo dell’IA: molti servizi, ognuno con i propri costi. Ci sono due classi di IA per le quali pagherai nei prossimi anni (se non lo stai già facendo, come me). Pagherai per servizi di IA autonomi, come ChatGPT Plus e Midjourney, e pagherai per i componenti aggiuntivi di IA per qualsiasi servizio cloud che può trovare una scusa per integrare l’IA nelle loro offerte.

Inoltre: Come (e perché) sottoscrivere ChatGPT Plus

In questo articolo, non analizzerò i servizi di IA autonomi e i loro modelli di prezzo. Invece, darò uno sguardo a alcuni dei servizi più tradizionali che tutti utilizziamo e a come promuovono i loro componenti aggiuntivi di IA per i loro utenti esistenti.

Mostrami i soldi

Elencare tutte le opzioni di IA disponibili non è pratico al momento. Molte aziende stanno iniziando a sperimentare con offerte di IA beta, in cui stanno valutando quanto valore possono aggiungere e quanto popolari sono quei componenti aggiuntivi per gli utenti. Ma abbiamo alcune informazioni su alcuni dei servizi più popolari, che ti daranno un’idea di cosa aspettarti nel corso dell’anno.

Photoshop – Crediti Generative Fill

Un ottimo esempio di questa tendenza è Photoshop. Da circa quattro mesi, Generative Fill è stata una funzione gratuita in Photoshop, purché tu abbia scaricato e installato la versione beta di Photoshop.

Inoltre: Come utilizzare lo strumento di IA Generative Fill di Photoshop

Anche se lo strumento ha dei limiti, è comunque molto utile. Di certo non vorrei rinunciare a Generative Fill ora che ho iniziato a usarlo. Ed ecco il trucco. Come i trafficanti di droga sono disposti a condividere un primo assaggio per farti diventare dipendente, la tecnica del “il primo è gratis” ha sempre funzionato per i fornitori di software.

Generative Fill ora è uscito dalla versione beta ed è stato rilasciato in Photoshop 2024. L’unico problema è che puoi utilizzare solo un numero indefinito di crediti “gratuiti” prima di essere addebitato in più. Ora, chiarisco subito. Photoshop è tutto tranne che gratuito, quindi ottenere crediti “gratuiti” significa semplicemente che quelle funzioni sono incluse nel piano per cui stai già pagando.

A proposito, ora che l’IA è disponibile, quel piano sarà più costoso. Adobe ha annunciato che i suoi piani Creative Cloud aumenteranno di prezzo a novembre.

Inoltre: Questi 3 strumenti di IA hanno reso il mio breve video dimostrativo molto più divertente e coinvolgente

Per ora, un’attività generativa equivale a un credito, quindi a seconda del piano che hai, avrai abbastanza crediti per sperimentare o non ne avrai abbastanza. Ricorda che Generative Fill basato su IA non sempre genera ciò che desideri. Potresti dover provare 10 o 20 volte per farlo funzionare. Ogni tentativo consuma un credito.

Effettivamente, Adobe sta addebitando il doppio per l’aggiunta di intelligenza artificiale. Pagherai di più per il piano che stai già usando. E se usi Generative Fill in modo troppo entusiasta, dovrai pagare anche per i crediti di utilizzo.

Se esaurisci i crediti, Adobe dice che puoi comunque utilizzare la funzione Generative Fill. È solo che rallenterà il processo di generazione. Quindi, quanto lenta è la lentezza? Non ne ho idea. Per quanto riguarda l’acquisto di nuovi crediti, l’azienda non si è pronunciata in modo definitivo, ma immagino che si aggiri intorno ai cinque dollari per cento generazioni.

Notion – L’IA si accumula velocemente

Notion ha un livello gratuito e quando ho cominciato a pagare per il servizio, c’era un livello da 48 dollari all’anno, che era sufficiente per la maggior parte dei lavori. Quel piano non è più disponibile, quindi un piano a pagamento che include upload illimitati e automazioni personalizzate del database (che vale la pena) costa 96 dollari all’anno per utente.

Inoltre: Recensione dell’app Notion: perché (e come) mi affido a questo potente strumento di produttività

Notion elenca Notion AI come 10 dollari al mese o 8 dollari al mese se fatturato annualmente. L’inghippo è che se hai un piano Notion annuale, dovrai anche pagare per un intero anno di AI (altri 96 dollari).

Se hai più utenti nel tuo piano, anche se solo una persona utilizza le funzioni di AI, dovrai pagare per tutti gli utenti. Questo tipo di utilizzo aggiuntivo si accumula molto rapidamente.

Inoltre: Notion AI scrittore può scrivere questo articolo?

Più grave ancora, Notion potrebbe ridurre l’utilizzo dell’IA anche se lo stai pagando. Ecco cosa dice il suo Q&A sui prezzi: “Per garantire prestazioni ottimali e un utilizzo equo per tutti gli utenti di Notion AI, l’accesso alle funzioni di AI può essere ridotto in base al tuo utilizzo.”

Office 365 – 30 dollari al mese per gli utenti aziendali

Microsoft ha pubblicizzato il suo servizio Copilot per gli utenti di Office 365. Utilizza lo stesso modello di linguaggio di base che si trova negli strumenti AI di Bing.

Inoltre: Come utilizzare ChatGPT per fare ricerche per articoli, presentazioni, studi e altro ancora

Sfortunatamente, ci sono due inghippi. Primo, costa ulteriori 30 dollari al mese per utente per i piani aziendali. E secondo, gli utenti di piani Office 365 individuali o familiari non hanno accesso al servizio (almeno per ora).

Google Duet AI – 30 dollari al mese per gli utenti aziendali

Microsoft e Google sembrano essere in sintonia quando si tratta di piani e prezzi per gli assistenti AI per ufficio. Google intende addebitare anche 30 dollari al mese per utente.

Ora, pensa per un attimo a cosa significa questo prezzo. Il mio piano enterprise di Google Workspace costa 100 dollari al mese per cinque utenti.

Quindi, per tutto ciò che riguarda Google, inclusi terabyte di archiviazione, sto già pagando 20 dollari per utente. Aggiungere solo le funzionalità di AI aggiunge altri 30 dollari per utente. È un bel colpo, vero?

Tema Divi WordPress – 18 dollari al mese per l’IA aggiuntiva

Utilizzo il tema Divi di Elegant Themes per la maggior parte dei miei siti web principali di WordPress. Ci sono un sacco di produttori di temi là fuori, ma Divi è piuttosto popolare.

Inoltre: Ho chiesto a ChatGPT di scrivere un plugin WordPress di cui avevo bisogno. L’ha fatto in meno di 5 minuti

Divi, con tutte le sue funzionalità e capacità, costa 89 dollari all’anno. Il modulo aggiuntivo di AI, Divi AI, che genera testo e immagini, costa ulteriori 18 dollari al mese. Sì, il prodotto principale costa 89 dollari all’anno, ma solo il modulo aggiuntivo costa ulteriori 216 dollari all’anno.

Alcuni altri prodotti

Ho dato un’occhiata veloce a alcuni altri prodotti familiari, per vedere il loro approccio ai prezzi per l’IA.

MailChimp: MailChimp, l’azienda di email marketing di proprietà di Intuit, ha una serie completa di strumenti AI. Al momento, sono in versione beta, senza dettagli sui prezzi.

Evernote: L’azienda di appunti in difficoltà è stata recentemente acquisita da Bending Spoons (sì, lo so, un po’ strano). A aprile, l’azienda ha annunciato funzionalità beta di AI e un aumento dei prezzi.

HelpScout: HelpScout, il servizio di assistenza clienti basato su cloud, offre ora funzionalità di AI. Finora, non ci sono stati aumenti di prezzo. In una conversazione via email con l’azienda, mi è stato detto che l’azienda attualmente ha intenzione di includere le funzionalità di AI nel suo prezzo principale. Se il prezzo aumenterà o meno rimane da vedere.

Il punto chiave

Ammettiamo un fatto molto importante riguardo all’AI generativa: utilizza molte risorse di calcolo. Offrire AI generativa non significa semplicemente aggiungere un’altra funzionalità. È una sfida molto grande costruire qualcosa che fornisca un valore universale.

Le aziende che offrono servizi di AI dovranno o costruire la tecnologia e l’infrastruttura da sole o acquistarle in licenza. In entrambi i casi, offrire un’opzione di AI non è economico. Costerà soldi ai fornitori.

Inoltre: Come ho usato ChatGPT e strumenti di arte AI per lanciare velocemente la mia attività su Etsy

Ma costerà ai fornitori tanto denaro quanto stanno chiedendo? Al momento, la risposta dipende dal fornitore. Acquistare chiamate API da aziende come OpenAI avrà una struttura di costi molto più prevedibile rispetto ai fornitori che scelgono di costruire la propria infrastruttura AI.

Tuttavia, non penso che l’attuale tendenza di due o tre volte il costo del servizio principale per l’aggiunta di AI sia sostenibile. Le spese per i servizi cloud sono già alle stelle. Il mio budget per i servizi cloud è folle, e gestisco una società composta da due persone.

Inoltre: Il momento in cui ho capito che ChatGPT Plus era un game-changer per la mia attività

Aspettarsi che i clienti raddoppino o triplichino le loro spese per il cloud per ottenere accesso alle funzionalità di AI probabilmente non funzionerà a lungo. Al momento, è probabile che i clienti spendano di più per le funzionalità principali, ma i servizi cloud sono competitivi. Sono sicuro che vedremo alcuni servizi includere i prezzi dell’AI. Vedremo anche il costo di accesso ai servizi di AI diminuire.

Anche se sono sicuro che le aziende cercheranno di mantenere i ricavi derivanti dall’upsell dell’AI, potrebbe non funzionare.

Personalmente, non sto acquistando nessuno dei servizi aggiuntivi di AI. Pago per ChatGPT Plus e Midjourney, che mi coprono perfettamente per la generazione di testo e immagini. Se necessario, probabilmente pagherò i crediti di Photoshop perché sono un utente di Photoshop da prima che venissero costruite le piramidi, ed è un grande risparmio di tempo. Ma oltre a questo, nessuno degli upsell aggiuntivi avrà i miei soldi, almeno per ora.

Inoltre: Come l’AI mi ha aiutato a far arrivare la mia musica su tutti i principali servizi di streaming

E tu? Ti aspetti di pagare per gli upsell di AI? Paggi per servizi autonomi di AI? Facci sapere nei commenti qui sotto.


Puoi seguire gli aggiornamenti quotidiani del mio progetto sui social media. Assicurati di iscriverti alla mia newsletter settimanale di aggiornamento su Substack e seguimi su Twitter a @DavidGewirtz, su Facebook su Facebook.com/DavidGewirtz, su Instagram su Instagram.com/DavidGewirtz e su YouTube su YouTube.com/DavidGewirtzTV.