Annuncio grafico pro-Israele emerge nei giochi per bambini

Annuncio a favore di Israele presente nei giocattoli per bambini

In un incidente scioccante, riportato per primo da Reuters, un bambino di 6 anni a Londra è stato esposto a un video pubblicitario pro-Israele mentre giocava a un puzzle sul suo telefono Android. Il video, che mostrava militanti di Hamas, famiglie israeliane e immagini sfocate e violente, si concludeva con un messaggio del Ministero degli Affari Esteri israeliano, che avvertiva: “CI ASSICUREREMO CHE COLORO CHE CI NUOCONO PAGHINO UN PREZZO ELEVATO”.

Questo incidente ha sollevato preoccupazioni riguardo alla presenza di tali annunci pubblicitari nei giochi popolari tra i bambini.

La diffusione della pubblicità

Maria Julia Assis, madre del ragazzo, è rimasta sbalordita dal contenuto della pubblicità pro-Israele e dalla sua comparsa in un gioco per bambini. Non è l’unica. Reuters ha identificato almeno altri cinque casi in tutta Europa in cui lo stesso video è stato mostrato ai giocatori, compresi i bambini. In un caso particolare, l’annuncio è stato trovato nel noto gioco “Angry Birds” dello sviluppatore Rovio, di proprietà di SEGA. Rovio ha riconosciuto l’errore e sta prendendo provvedimenti per bloccare tali contenuti.

Risposte ufficiali

David Saranga, responsabile della comunicazione digitale presso il Ministero degli Affari Esteri israeliano, ha confermato l’origine del video ma ha espresso incertezza riguardo alla sua comparsa in vari giochi. Ha sottolineato che il ministero ha istruito gli inserzionisti a bloccare i contenuti per i minori di 18 anni. La campagna pubblicitaria, parte di una più ampia azione di sensibilizzazione, è stata avviata dopo l’attacco di Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre.

Mentre il Ministero degli Affari Esteri israeliano è stato trasparente riguardo ai propri sforzi pubblicitari digitali, Reuters non ha trovato prove di una campagna palestinese simile. Tuttavia, l’Autorità Palestinese sta lavorando per condividere prove delle sofferenze a Gaza a causa delle azioni israeliane.

Preoccupazioni e reazioni

La comparsa di tali annunci pubblicitari nei giochi ha sollevato perplessità, specialmente quando vengono trovati in titoli per famiglie come “Alice’s Mergeland”, “Stack” e “Subway Surfers”. Molti sviluppatori di giochi, quando contattati, non hanno risposto alle richieste di commento sugli annunci.

Nel Regno Unito, dove risiedono Assis e suo figlio, l’Autorità per gli Standard Pubblicitari superviene sulle campagne pubblicitarie. Essa sottolinea che i contenuti grafici dovrebbero essere rivolti lontano dai minori di 18 anni.

La comparsa improvvisa di annunci politici nei giochi per bambini ha suscitato preoccupazioni sulla supervisione della pubblicità digitale. Mentre il panorama digitale continua a evolversi, garantire la sicurezza e l’appropriatezza dei contenuti per tutti gli utenti rimane fondamentale.