Razer BlackWidow V4 75% Recensione Interruttori Sostituibili a Caldo da un Marchio Familiare

Razer BlackWidow V4 75% - Hot-Swappable Switches Review from a Familiar Brand

Aggiungendo alla sua linea di tastiere da gioco BlackWidow per un pubblico più ampio, Razer coglie l’opportunità di abbinare la sua prima tastiera con interruttori intercambiabili con una reintroduzione dei suoi interruttori meccanici tattili Orange, visti per l’ultima volta nella BlackWidow Lite orientata alla produttività del 2018.

La compatta tastiera BlackWidow V4 75% ENBLE è più simile per spirito alla BlackWidow V3 Mini wireless del 2019, solo un po’ meno Mini. La dimensione del 75% aggiunge alcuni tasti in più, tra cui un tasto multifunzione, muto e un rotellina del volume, così come il tasto accent (grave/tilde) a sinistra del tasto 1. Il modello nero da 190 dollari è disponibile ora, mentre una versione bianca da 200 dollari è prevista per metà settembre.

Simile a concorrenti come il Glorious GMMK 2 e il NZXT Function TKL, è possibile sostituire gli interruttori socketed, così come i keycap, e aggiungere stabilizzatori a vite, ma il resto è fisso. (È possibile personalizzare il GMMK se si desidera, ma è una tastiera funzionale fuori dalla scatola.) Anche se non hai intenzione di cambiarli, rende molto più facile sostituire gli interruttori guasti, e i meccanici sono soggetti a molta più attrito rispetto alle alternative ottomeccaniche o magnetomeccaniche.

La V4 75% ha l’illuminazione caratteristica di Razer, compresi i sottoilluminazione.

Lori Grunin/CNET

La Razer viene fornita con i suoi interruttori Orange e offre kit di interruttori Green clicky e Yellow linear al prezzo di 25 dollari; una pinza per keycap e interruttori a doppio lato è inclusa nella confezione. I keycap double-shot inclusi sono realizzati in ABS, non nel più resistente PBT. Sfortunatamente, i kit di interruttori alternativi non erano disponibili in tempo per la recensione. Ma rimuoverli e sostituirli è piuttosto semplice e veloce, anche se non hai mai rimosso nemmeno un keycap prima. Anche se è possibile smontare la tastiera se si desidera – ci sono sei viti tra te e la scheda di circuito – ciò annullerà la garanzia.

Appena estratta dalla confezione, la tastiera 75% sembra molto più una tastiera per la produttività che una tastiera da gioco, principalmente a causa degli interruttori Orange. Sono ottimi per scrivere, con un’escursione di 3,5 mm, un punto di attivazione di 2 mm e un “bump” di pre-attivazione di 0,3 mm che aggiunge un po’ di tensione extra per evitare pressioni casuali sui tasti per coloro di noi che tendono a poggiare le mani sulla tastiera. Questo rende gli Orange particolarmente adatti a tipi di giochi più lenti, come i walking simulator, i giochi di strategia a turni e così via.

Le funzionalità sono tipiche per una tastiera da gioco del suo prezzo, compresa l’illuminazione RGB per singola chiave che è possibile personalizzare nel software Razer Synapse, macro registrabili e assegnazioni personalizzate dei tasti. Come tutte le tastiere Razer, le funzioni secondarie come la luminosità della tastiera, la registrazione di macro e alcune altre non sono retroilluminate, il che è fastidioso se lavori o giochi al buio – una grande seccatura per me. La tastiera include un poggiapolsi imbottito in similpelle, con texture e attaccato magneticamente, come quelli forniti con il resto della famiglia.

La pinza per cap e chip inclusa rende molto semplice la sostituzione degli interruttori.

Lori Grunin/CNET

Se stai cercando quel tipico suono meccanico clicchettante, questi probabilmente sembreranno troppo smorzati. Razer si dà da fare con l’attenuazione del suono, utilizzando una piastra degli interruttori in plastica che abbassa il tono, ammortizzamento integrato nell’interruttore (come per i Gialli), una scheda di circuito modificata con nastro per alterare ulteriormente le frequenze sonore e due strati di schiuma per assorbirle.

Il risultato finale è un po’ sconcertante. Poiché sono tattili, gli interruttori sembrano dovrebbero avere un suono più clicchettante e invece hanno una caduta morbida, sia dal punto di vista uditivo che tattile. È abbastanza rumoroso da rendermene consapevole senza cuffie, ma abbastanza silenzioso da essere relativamente poco invadente durante le chat (per i microfoni che non hanno riduzione del rumore). Se tendi a sbattere spesso la barra spaziatrice, il suono è leggermente più vuoto.

A parte la possibilità di intercambiabilità, la Razer BlackWidow V4 75% è una tastiera molto bella se cerchi qualcosa di compatto e non hai bisogno del tastierino numerico. Se scrivi molto, gli interruttori Orange offrono una sensazione precisa e leggermente rimbalzante che è piuttosto piacevole, ma se sei più interessato al gioco potresti volerli sostituire con qualcosa di più giallo o verde.