Il MacBook Pro da 13 pollici se ne va portando con sé la Touch Bar

Il MacBook Pro da 13 pollici se ne va portando con sé la Touch Bar incorporata

Perduto nell’evento “Scary Fast” in prima serata di Apple lunedì sera, che ha presentato nuovi modelli di MacBook Pro basati sui nuovi processori M3 di Apple, fu la fine del MacBook Pro da 13 pollici. Apple non ha menzionato che, come Michael Myers che accoltella una babysitter, ha eliminato il MacBook Pro da 13 pollici senza mostrare alcuna emozione.

Il modello da 13 pollici del Pro è sempre stato un po’ fuori dal comune, compresso tra i MacBook Air da 13 e 15 pollici e i MacBook Pro da 14 e 16 pollici. Era anche l’ultimo MacBook rimasto con la tanto criticata Touch Bar. Ogni MacBook ha ora una tradizionale fila di tasti funzione fisici. E ne stiamo tutti meglio così.

Dò credito ad Apple per averci provato con la Touch Bar, ma non piangerò alla sua morte. Il mio primo MacBook precedeva la Touch Bar. Il mio secondo MacBook aveva la Touch Bar. Il mio attuale MacBook segna un ritorno alla classica fila di tasti funzione. Indovinate quale è stato il mio MacBook meno preferito?

Se hai detto il modello con la Touch Bar, alzati e ritira il tuo premio. Ammetto che ero curioso e forse persino un po’ entusiasta della Touch Bar quando ho preso in mano il mio MacBook con Touch Bar. Tuttavia, entro pochi giorni, il periodo di luna di miele era finito e ero pronto a tornare tra le braccia di una fila di tasti funzione. Ma perché sono fedele (e avara), sono rimasto con il mio MacBook con Touch Bar per quattro anni.

La Touch Bar ha reso le semplici operazioni più complicate.

Sarah Tew

Fila di tasti > Touch Bar

La Touch Bar ha reso la mia vita quotidiana di fronte al mio MacBook un po’ più complicata. Mi ha impedito, ad esempio, di premere alla cieca un tasto funzione una o due volte per regolare il volume o la luminosità dello schermo. Invece di eseguire quella semplice manovra, la Touch Bar mi ha costretto a guardare giù dallo schermo e toccare e tenere premuto e trascinare per ridurre il volume di un gradino. Potrebbe non sembrare un gran problema, ma è un’azione che eseguo decine di volte al giorno. Mi ha stufato in fretta.

La Touch Bar non solo ha reso processi semplici più complicati, ma era anche distrattiva a volte. Quando scrivevo in determinate app, lampeggiava ad ogni tastiera. Sembrava che uno spettacolo di fuochi d’artificio in miniatura stesse accadendo proprio sopra le mie dita mentre cercavo di concentrarmi e lavorare.

Non ho mai trovato un’app che facesse un buon uso della Touch Bar che potesse compensare il numero di fastidi minori che avevo accumulato riguardo ad essa. Speravo che offrisse assistenza nella navigazione della mia libreria di foto, ma le miniature delle foto erano così piccole sulla Touch Bar che le ho trovate inutili. Inoltre, non ho mai trovato i controlli offerti da Chrome o Safari più utili del semplice navigare entrambi i browser tramite il touchpad eccezionale del MacBook.

Con la fine del MacBook Pro da 13 pollici, la Touch Bar può occupare un posto accanto alla tastiera a farfalla e ai processori Intel nel deposito di caratteristiche dei MacBook che sono venute e se ne sono andate di Apple.